Selezione di Luglio - Vinarte

la selezione di luglio

Cuvee Monsignori - Santorini Estate Argyros

AZIENDA: Estate Argyros, Santorini

REGIONE: Egeo Meridionale, Grecia

DENOMINAZIONE: Protected Designation of Origin Santorini

TIPOLOGIA: Bianco secco

VITIGNI: 100% Assyrtiko

SUI LIEVITI: 8 aprile 2019

AFFINAMENTO: Acciaio e botti di rovere francese da 500 l per 12 mesi

COLORE: Giallo paglierino con riflessi dorati

PROFUMO: Agrumi, frutta a polpa bianca, minerale e pietra focaia

GUSTO: Gran corpo, strutturato, lungo, sapido e minerale

GRADAZIONE: 14%

ABBINAMENTO: Pesce sia crudo e cotto | Crostacei | Carni bianche

TEMPERATURA DI SERVIZIO: 8-10 °C

La Tenuta Argyros è una delle aziende vinicole più antiche di Santorini. E’ stata fondata nel lontano 1903 ed ora è gestita da Mathew Argyros proprietario di quarta generazione. La tenuta è proprietaria sull’isola di 120 ettari e l’appezzamento più importante è quello di Episkopi, con viti di oltre 200 anni allevate a piede franco su terreni di origine vulcanica caratterizzati da suoli ricchi di rocce magmatiche, pomice e lava ignea. Il suolo di questa isola è naturalmente immune alla filossera ed a molti altri parassiti del vigneto, riducendo così la necessità di usare erbicidi e pesticidi sintetici.

Questa “Cuvée Signorini” è ottenuta da uve Assyrtiko in purezza, vitigno a bacca bianca autoctono di Santorini. L’azienda segue una viticoltura sostenibile ed utilizza il mosto d’uva compostato come fertilizzante, mentre i vigneti vengono arati con i muli, tipici del luogo. I rendimenti sono estremamente bassi, la vendemmia è raccolta a mano verso la metà di agosto. In cantina dopo un’accurata selezione le uve vengono pressate leggermente per ottenere una delicata estrazione del mosto. Dopo la fermentazione il 5% della massa viene affinato in botti francesi di 2° e 3° passaggio da 500 litri per 12 mesi con battonage.

Si presenta con un bel colore giallo dorato e sfoggia una particolare luminosità e brillantezza. Il bouquet è molto complesso con un inconfondibile carattere minerale e si muove su toni agrumati quali il limone, pompelmo e frutta a polpa bianca con sentori di pietra focaia ed affumicati. L’assaggio è ampio e connotato da una ottima struttura avvolgente, ben allieneato con i sentori percepiti al naso, la sua freschezza, mineralità e sapidità ampiano gli aromi nel palato. Assolutamente da inserire nella lista dei desideri e lo si può dimenticare in cantina anche per dieci anni, grazie alla caratteristica di questa varietà che si addice molto bene a lunghi invecchiamenti. Un bianco affascinante decisamente trasversale negli abbinamenti: dal pesce crudo alle carni bianche, dai crostacei ai formaggi stagionati, permettendo di effettuare abbinamenti fra cibo e vino inusuali e sorprendenti.

la selezione di luglio

Champagne Cuvee Des Crayers - Eric Rodez

AZIENDA: Eric Rodez, Ambonnay

REGIONE: Champagne, Montagna di Reims

DENOMINAZIONE: Champagne AOC

VITIGNI: 60% Pinot Noir, 40% Chardonnay

AFFINAMENTO: 36 mesi ca. sui lieviti

DOSAGGIO: Extra Brut

CATEGORIA: Grand Cru

COLORE: Giallo paglierino con riflessi dorati

PROFUMO: Frutta fresca e secca, crosta di pane e minerale

GUSTO: Elegante e leggermente sapido

GRADAZIONE: 12,5%

ABBINAMENTO: Aperitivo | Antipasti di pesce crudo e cotto | Primi di verdure

TEMPERATURA DI SERVIZIO: 6-8°C

Sono ormai quasi tre secoli, dal 1757, che la famiglia Rodez è legata alla terra dello Champagne e in particolare al terroir di Ambonnay e al suo piccolo villaggio. Eric è l’ottava generazione e ne ha preso le redini nel 1984 dopo un’arricchente esperienza durata alcuni anni prezzo la rinomata Maison di Krug. L’azienda conta 6,12 ettari e 35 parcelle con la maggioranza di Pinot Noir al 65% e il resto Chardonnay con una produzione di 50.000 bottiglie annue. Nel 2008 è passato dal biologico al biodinamico e recentemente ha abbracciato l’aromaterapia al posto di rame e zolfo.

Questa “Cuvée des Crayères” nasce dal matrimonio di 60% di Pinot Noir e 40% da Chardonnay, le uve arrivano da vigneti esclusivamente Gran Cru nella zona di Ambonnay da una dozzina di parcelle. Segue una vinificazione per tre quarti del prodotto in barrique con malolattica parziale e in aggiunta un’ importante percentuale di vins de réserve di 4 annate. La permanenza sui lieviti è di circa 3 anni e il dosaggio è a 4,5g/l.

Si presenta con un bel colore giallo paglierino con riflessi dorati. Lo spettro olfattivo annuncia note dove è la frutta a manifestarsi in primis da frutta fresca a polpa gialla con una trama agrumata, intervallata da sfumature di lieviti e crosta di pane e leggere note di frutta secca. Il sorso è fresco, vibrante, ampio con aromi di bergamotto ed infuso di tè puntellato da un pérlage fine con una leggera trama minerale e sapida e il leggero residuo di zucchero non è percepito. Un’ottima beva da apprezzare come aperitivo o abbinato a frutti di mare, crostacei, antipasti crudi o cotti, primi piatti a base di verdure o pesce.

In questo sito Web utilizziamo strumenti di proprietari o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.
è possibile prendere visione della politica di privacy di EnotecaVinarte cliccando qui